Digital literacy assessment: come misuri il DigitalDNA in azienda

Digital literacy assessment: come misuri il DigitalDNA in azienda

Digital literacy assessment: come misuri il DigitalDNA in azienda

Ogni giorno milioni di persone accedono alla rete. Eppure, la maggior parte di queste non possiede un livello di alfabetizzazione digitale sufficiente. Alla luce di questa mancanza, che influisce sulla qualità della vita personale e professionale, nonché sulla produttività aziendale, diventa importante per le imprese effettuare un digital literacy assessment per valutare le capacità dei propri dipendenti e capire come e dove intervenire per rendere l’organico più consapevole e, di conseguenza, aumentare il potenziale innovativo dell’impresa.

 

DigitalDNA per il digital literacy assessement: cos’è e perché è importante

Il DigitalDNA è l’insieme degli elementi di un’azienda che influiscono nella sua capacità di approcciarsi con più o meno successo al mondo digitale. Si tratta di un vero e proprio modello, basato sulla sintesi efficace di diverse metodologie sviluppate de esperti internazionali di settore, e risultato di una lunga serie di esperienze progettuali di P4I – Partners4Innovation, la consultancy del Gruppo Digital360, di cui fa parte la stessa 360DigitalSkill.

Il modello DigitalDNA individua le principali aree di competenze digitali e integra al suo interno la valutazione di quelle tecniche e trasversali, connesse al digitale e all’innovazione, suddividendole in quattro macro-aree.

  1. Tech skill. Le competenze necessarie a supportare l’organizzazione attraverso processi ICT, le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, che facilitano la comunicazione digitale.
  2. Soft skill. Comprendono le competenze relazionali e comportamentali che permettono al singolo individuo di utilizzare in maniera efficiente gli strumenti digitali. Tra tutte, sono le più importanti nel percorso di digital transformation.
  3. Job-related skill. Consentono alle persone di fare il proprio lavoro in modo attuale e consapevole rispetto ai trend e alle ultime innovazioni di settore. Diventa così più facile, ad esempio, acquisire informazioni rilevanti su clienti e sul mercato di riferimento, gestire e interpretare i dati, lavorare secondo modalità diverse da quelle convenzionali.
  4. Innovation skill. Sono quelle competenze cognitive, comportamentali e funzionali che permettono alle persone di essere aperte all’innovazione nel proprio lavoro e adottarla attraverso un atteggiamento intraprendente.

 

Digital literacy assessment: i vantaggi del modello DigitalDNA

Ma come fare il punto sul DigitalDNA aziendale? Le attitudini e i talenti delle persone, quindi anche la loro propensione al digitale, possono emergere naturalmente. Spesso, però, alcune persone hanno delle competenze innate che, se non sollecitate, restano “nascoste in un cassetto”. All’impresa, o ancora meglio, all’HR, spetto l’arduo compito di aprire il cassetto e provare a valorizzare queste abilità (nascoste e non) mettendo i lavoratori nelle condizioni di poterle esprimere e migliorare.

Per raggiungere l’obiettivo è importante avere un modello da seguire. Ecco perché 360DigitalSkill ha scelto proprio quello del DigitalDNA, utile punto di partenza per gli HR che vogliono mappare, per l’appunto, il proprio DNA digitale; un modello che inquadra le competenze, ma allo stesso tempo è flessibile, pur non perdendo mai di vista la sua essenza: dare valore alle competenze digitali.

Il modello DigitalDNA non si basa su una rigida classificazione delle competenze, né si tratta di una metodologia da seguire alla lettera indistintamente per tutti. Ogni impresa è diversa e unica. Per questo il modello è pensato per essere declinato e adattato secondo le caratteristiche peculiari di un’azienda, sulle sue esigenze e sulle competenze richieste ai suoi lavoratori.

Di conseguenza, quando un’impresa si rivolge a 360DigitalSkill trova un partner che studia i suoi bisogni e la guida nello sviluppo o nell’implementazione di un digital mindset su misura delle sue esigenze e del suo business, con un duplice obiettivo: accompagnarla nella diffusione di una cultura e una consapevolezza sul mondo digitale, aiutare le persone che ne fanno parte a scoprire e rinforzare le proprie competenze ed attitudini digitali.

 

CTA-people centric approach